Problematiche adolescenziali

problemi dell'adolescenzaL’adolescenza è quel tratto dell’età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato infantile a quello adulto dell’individuo. Quando si parla di adolescenza, è molto importante ricordarsi che essa è un periodo di forte mutamento e crisi psicologica, che necessita di affetto e punti fermi e il dare limiti fissi è un’impresa molto ardua.

Differenti problematiche adolescenziali

Bisogna considerare vari fattori che sono spesso trascurati: lo sviluppo emozionale spesso non procede di pari passo con lo sviluppo fisico, le società occidentali con l’ iper-protezione provocano un ritardo dello sviluppo psicologico mentre in altre zone del mondo accade l’opposto, lo sviluppo è molto diverso tra maschi e femmine, più tardi si verifica lo sviluppo puberale più tardi finisce l’adolescenza, alcuni tratti psicologici tipici dell’adolescenza permangono oltre la giovinezza per alcune persone, concetto che ha portato a pensare alla nostra società come quella degli eterni adolescenti.
Nell’adolescenza l’egocentrismo infantile è superato, anche se il giovane non è ancora adulto e a volte fatica a immedesimarsi nell’altro. Una fase in cui cambia tutto: il corpo, il rapporto con l’autorità che viene spesso vista come sfida e costrizione, il rapporto con l’altro sesso, la dipendenza dai genitori viene vissuta male, gli innamoramenti, necessitano dunque di una nuova identità. Questa nuova struttura e modo di esistere è però ancora appena abbozzata; ha bisogno di essere consolidata. Ciò avviene nel periodo che va, approssimativamente, dai 15 ai 18 anni, ma recenti studi  dimostrano che l’adolescenza arriva fino a 24 anni.
La fragilità somatica e psicologica del soggetto, in questa fase, è evidente e facilmente spiegabile, non è una malattia, ma una fase della vita, un’epoca in cui si è fragili e spavaldi, in cui ogni emozione è vissuta al massimo. Qualcuno la paragona a una seconda nascita in cui si sa cosa muore e  non cosa nasce.
Se i genitori hanno fiducia nella vita e in se stessi, tutto va a posto da solo. Quando l’adolescenza si complica il genitore chiede aiuto alla psicoterapia che arriva a sostenere il giovane e la famiglia in un momento che mette in gravi difficoltà la maggior parte delle persone, che sovverte e spaventa.
Ricordiamo sempre che un nuovo guscio costa lacrime e fatica, che dare limiti é difficile e doloroso ma necessario, proprio in una fase in cui l’adolescente è tentato da tutto ciò che spaventa di più i genitori, ad esempio sesso e droga.
Quindi nessun adolescente è senza problemi, ma non problematizziamo per forza, però che si colga l’occasione, a volte l’ultima, per parlare con i figli.